Bla bla…quando a parlarci è la nostra pancia

20180622_142603.jpg

Ciao amici,

era già da un po’ che avevo pensato di parlarvi di un argomento che sono sicura interessa molti di noi…la pancia!!

Non è certo un mistero che una pancia “felice” ci fa stare bene…e una pancia “problematica” ci rovina la giornata. In particolare a noi donne…avete presente quel bell’abitino aderente che tanto amiamo sfoggiare, e che richiede una bella pancina piatta??

E qui naturalmente non sto parlando di chili in più, perché possiamo essere snelle fin che volete…ma se la pancia si gonfia…uffa non ci resta che optare per un bell’abito scampanato!

E comunque anche tralasciando il fattore estetico, la pancia deve “star bene” perché è una cartina di tornasole della nostra salute!! Non essendo medico non voglio certamente addentrarmi in argomentazioni scientifiche , ma più semplicemente qui vorrei darvi una dritta per evitare quelle situazioni banali in cui…mangi due patatine di troppo o una pizza…e il giorno dopo sembri in gravidanza da 5 mesi! Oppure mangi anche solo un panino in pausa pranzo…e poi andresti in branda per 3 ore!

C’è stato un periodo della mia vita in cui ero arrivata a credere di essere celiaca. Mangiavo e stavo male, ero spossata, assonnata, fiacca…insomma una situazione quasi invalidante. Mi sono detta…facciamo questo benedetto test della celiachia!!

Niente di niente…non ero celiaca…allora mi sono detta…e ora??

Ho fatto per scrupolo altri esami medici ma per fortuna tutto a posto!

Volete sapere come sono riuscita a risolvere?

TEST DELLE INTOLLERANZE ALIMENTARI…quello che si fa semplicemente recandosi in farmacia, perché peraltro ero sempre tirata con i tempi e una farmacia vicino a casa o al luogo di lavoro è una gran comodità.

Banalmente hanno un kit (io mi sono rivolta ad una farmacia Lloyds di Milano, in Via Grigna 9) con cui pungono il dito e mandano ad analizzare alcune gocce di sangue…tre minuti per l’esame…e 10 giorni circa di attesa per ricevere l’esito.

Si può scegliere di indagare su un minimo di alimenti, tipo 64, oppure molti di più (il massimo era 120). Io ho optato per 96 alimenti, ad un costo di circa € 140, e credetemi sono stati soldi ben investiti!!

Detto fatto ho provato a ridurre gli alimenti a cui ero risultata INTOLLERANTE e sapete quale è stato il risultato?

Sonnolenza passata, pancia risolta…e dulcis in fundo, che non guasta mai, 2 kg in un mese di dimagrimento, il tutto senza fare la dieta ma semplicemente riducendo quegli alimenti a cui risultavo intollerante in base test.

Senza voler essere presuntuosa vi dico che le persone a cui ho dato questo consiglio hanno ottenuto lo stesso risultato, che non si è limitato al mero dimagrimento, ma al raggiungimento di un benessere generale, o comunque un miglioramento ad esempio nel caso di una amica che soffriva spesso di cefalea.

L’altro consiglio che mi sento di darvi…è di “ascoltare” comunque sempre il vostro corpo.

Ci sono giornate, magari molto stressanti, in cui è necessario “appagare” il nostro corpo con alcuni alimenti che in quel momento servono per tirarci su. Vi faccio un esempio. A me capita di “riprendermi” mangiando delle patatine (magari possibilmente non il sacchetto da 500 grammi!!) e un succo di arancia.

Non so dirvi perché, forse sarà il sale, ma dopo riparto. Alle volte, invece delle patatine, mangio delle arachidi salate e ottengo lo stesso effetto.

Insomma ho imparato a “coccolarmi con gli alimenti”…come quando mi capita di “sentire il bisogno” di mangiare una mega bistecca dopo aver fatto palestra, o un calice di vino rosso con olive prima di cena per rilassarmi dopo il lavoro.

Che dire cari amici…ciascuno di noi in fondo in fondo può “ascoltarsi” e arrivare a capire cosa ci fa stare bene, e diciamo che il test delle intolleranze alimentari ci può indirizzare e sinceramente aiutare…ma mi raccomando facciamoci sempre guidare anche dal nostro meraviglioso istinto e ogni tanto lasciamoci andare ad una goduriosa mangiata…

A proposito Laura, quando andiamo da Burgez???? Che a me il test ha detto che sono intollerante alle zucchine…mica agli hamburger!!!

Un abbraccio.

Sabrina

5 thoughts on “Bla bla…quando a parlarci è la nostra pancia”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s