Spring time!

20190320_192811.jpg

Buongiorno amici!

Oggi è il 21 marzo e tutti oggi hanno il sorriso di chi ha in mente: “Evviva! Arrivano la luce, il calduccio, le giornate lunghe…!”

Tutto vero e, chissà perché, ogni anno sentiamo il cuore battere quando sentiamo il profumo della bella stagione, come fosse la prima volta che ci capita di sentire queste sensazioni.

E devo dire che anche io, che adoro il freddo e l’inverno in tutte le sue sfumature, con la primavera mi sento rinascere, un po’ come una pianta che riceve dopo tanto tempo acqua fresca e abbondante.

E voi…cosa provate? Aspettate ancor di più l’estate o preferite la primavera?

Che progetti, quali traguardi da raggiungere risveglia in voi? E non parliamo di diete o prove costume che si avvicinano, beninteso!

Buona primavera e…che tutti i nostri progetti si avverino davvero!🌻🌻🌻

Laura&Sabrina

 

Il Collegio

Visualizza immagine di origine

(immagine tratta dal web)

Ciao Amici,

era da un po’ che volevamo chiedervi se avete visto, e se i vostri figli sono rimasti positivamente influenzati, dal reality Il Collegio su Rai 2.

Mio figlio Giovanni, 10 anni, ma anche Caterina, 10 anni, la figlia di Laura, sono infatti rimasti incollati davanti al televisore per seguire le vicende di questo gruppo di adolescenti (dai 13 ai 17 anni) che hanno vissuto all’interno di un collegio, come se fossero tornati negli anni ’60.

Niente cellulari, niente trucco per le ragazze, capelli raccolti in treccine, niente deodorante, gel, balsamo per capelli, niente cibo se non in mensa (con olio di fegato di merluzzo a colazione!!!), abbigliamento in tutto e per tutto da collegiali anni ’60 (mutandoni inclusi)…insomma niente di niente di quello che possiedono gli adolescenti del giorno d’oggi. Il tutto condito da studio quotidiano e super sorveglianza da parte di uno staff severissimo composto da Preside, insegnanti e due sorveglianti (un uomo e una donna), finalizzato a prendere il diploma di terza media.

Nella scuola dei nostri figli Il Collegio è argomento quotidiano, insomma va di moda, e dobbiamo dire che la cosa non ci dispiace, in quanto sicuramente si tratta di una fiction, come dire, “educata”, con contenuti positivi.

A me e Laura la fiction è piaciuta moltissimo, alcune scene sono veramente esilaranti, ma la cosa più sorprendente è stata vedere l’interesse dei nostri figli, quasi rapiti, ipnotizzati e felici nel vedere tanta severità…chi l’avrebbe mai detto!

La domanda che ci siamo poste, e la risposta che ci siamo date…è che forse veramente i ragazzi di oggi hanno bisogno di un tantino più di rigore, ma non visto come supremazia dell’adulto  fine a se stessa (della serie io comando perché sono grande e tu esegui), ma come incoraggiamento a non mollare mai, a non dare tutto per scontato, a sudare, a provare, magari anche solo a fare le piccole cose, come ad esempio rifarsi SEMPRE il letto da soli (che ci sembra di capire che mica sono in molti a rifarselo!), perché questo poi li porterà a fare passi più importanti in seguito.

Nelle ultime puntate di ciascuna serie abbiamo ascoltato la sincera soddisfazione dei ragazzi che sono riusciti ad arrivare sino alla fine, ossia a prendere questo simbolico diploma di terza media dopo gli esami. E se vi capiterà di vedere queste ultime puntate, vedrete che dalle loro parole non traspare tanto il protagonismo, di essere i “vincitori”, ma l’entusiasmo di aver fatto un’esperienza che a loro dire li ha arricchiti, come mai si sarebbero aspettati.

Ah comunque, aspetto pedagogico a parte, è un reality show/fiction troppo divertente!

Buon Collegio!…Laura & Sabrina

Primavera-Estate in arrivo, 3 semplici mosse per essere pronti! — Cuccioli Di Mela

Cari amici ormai siamo prossimi alla primavera e così come le temperature anche un altro argomento si fa sempre più caldo… La protezione dei nostri piccoli amici da filaria, zanzare, pulci, zecche, pappataci e Leishmaniosi. Il problema è serio e vi spiego il perché: La filaria è una malattia cardio-polmonare, viene trasmessa tramite le zanzare […]

via Primavera-Estate in arrivo, 3 semplici mosse per essere pronti! — Cuccioli Di Mela

Un trucchetto per far lavare BENE i denti ai bambini!

Ciao amici!

Volevo farvi sorridere con un trucchetto che pare funzionare e anche molto bene col mio piccolo Giovanni…in sede di “lavaggio dentale”!

Eh già…sappiamo tutti come fanno le nostre simpatiche canaglie…spazzolino, dentifricio-quasi assente- e…dopo 15 secondi di spazzolate a casaccio…via, finito, spazzolino gettato al volo nel lavandino e di corsa verso nuovi lidi!

EH NO CARO MIO! (che poi al controllo del dentista sono sempre dolori😬).

Dopo essere passata per stratagemmi pietosi tipo “la strega di notte ti fa marcire i denti” (ci credeva a 3 anni, non a 10) oppure “guarda che nessuna ragazza si fidanzata con uno coi denti cariati”…

HO TROVATO UN METODO DIVERTENTE E…EFFICACE!

Fate scegliere al bambino/a una canzone, una hit del momento che lo aggrada (sotto vi ho messo la canzone che va per la maggiore in casa mia in questi giorni), via alla melodia e, patti chiari:

si spazzolano i denti fino alla fine del video!

Il bambino di distrae, si diverte e…lava i denti per almeno 3/4 minuti senza nemmeno accorgersene.

E nel frattempo noi, mentre finiamo di sistemarci…ascoltiamo qualcosa di allegro.

Che ne dite? Provateci!

Buon sorriso a tutti!😃😋

Sabrina&Gio

 

 

Tè MATCHA DELLE MERAVIGLIE

Se sei Natural Addicted sei nel posto giusto, qui trovi tanti articoli, consigli e suggerimenti per vivereOK, stare bene e vivere in armonia con gli altri e l'ambiente che ci circonda

Alcuni anni fa ho fatto un bellissimo viaggio in Giappone da dove tornai con un carico di tè Matcha, considerato un elisir di salute e bellezza.

Mi fece impressione il fatto che da loro, andando al ristorante, ci si trovava sempre e comunque, al proprio posto, una tazza di quello che a me sembrava acqua dei pesci, come appena presa dall’acquario, si trattava di tè matcha, che per loro, da sempre rappresenta una salutare abitudine.

In Giappone ci sono addirittura locali di solo tè Matcha, organizzati come piccoli fast food, in cui assaporare questa bevanda in molteplici varianti, calda, fredda, con aggiunta di succo di frutta o latte.

Da allora la bevanda ha preso piede anche qui da noi e spesso viene proposta, ovviamente nei ristoranti giapponesi, ma non solo.

Questo particolare tè, diversamente da altri tipi di tè verde, ha diverse fasi di produzione che lo rendono ricchissimo di…

View original post 214 more words